La 13 Fata: Epifaneia … una storia che ti stupirà

Condividi su:

E’ in arrivo il 6 gennaio, giorno della Epifania e della Befana per i bambini, con le calze che verranno stipate con caramelle e dolcetti residui avanzati dallo scorso Halloween. Giornata “di confine” che segna la fine delle vacanze natalizie e il ritorno al quotidiano tran tran di un nuovo anno, condizionato però da vecchie e radicate abitudini e condizionamenti.

Epifania che “tutte le feste si porta via”!

Una festa che passa sempre in secondo piano, oscurata dal luccicante Natale e dallo spumeggiante Capodanno.

Per tutti è una festa “leggera” da passare intorno ad un Panevin – come da tradizione in alcune località d’Italia – o a casa a rispolverare le statuine di Magi e Cammelli da aggiungere per breve tempo al Presepe.

Ma che vuol dire “Epifania”?

Il termine “Epifania” lo dobbiamo agli inesauribili greci antichi e sta a significare qualcosa che riconduce a “manifestazione”, “apparizione divina”, “venuta”. Nel pratico, per i cristiani, simboleggia la rivelazione di Gesù bambino all’umanità, grazie alla visita dei Re Magi.

Questa festa, segnata in rosso sui nostri calendari, arriva 12 giorni dopo Natale. I cosiddetti Dodici Giorni (o Dodici Notti) costituiscono il periodo religioso che intercorre Natale ed Epifania, solitamente considerata il Tredicesimo Giorno.

Ho trovato questa bella filastrocca di Emanuela Pacifici ispirata alle tredici notti Sante successive al Natale.

Le Tredici Fate del Natale

La prima Fata arrivò a cavallo della Stella Cometa.
Com’era buia quella notte, quanto silenzio in quel deserto. Ella portò il seme della Luce in quella terra brulla e desolata.L’uomo s’era allontanato dalla grotta, forse cercava aiuto, mentre la Madre l’accolse e proprio lei l’aveva chiamata. Con entrambe le mani toccò il ventre gravido e il Bambino trovò la via per il Mondo.

La seconda Fata bussò alla Casa degli Angeli e condusse il più splendente sulla Terra.Ella portò il Coraggio, baciò gli occhi del Bambino e questi si aprirono sul Mondo.

La terza Fata sorse dalla terra, sbocciò da un candido fiore lì dove non c’era che sabbia. Ella portò la Forza , baciò la piccola e tenera bocca del Bambino e il deserto fu scosso dal potente fragore di un pianto di Vita.

La quarta Fata venne scaraventata nei pressi della grotta da un fulmine. Ella portò l’intelletto, baciò la fronte del Bambino e sorse nei cuori di tutti gli uomini la preghiera.

La quinta Fata nacque dal suono di un flauto che annunciava la Venuta di un Re, l’Angelo suonava e la Fata baciò il petto del Bambino portando al Mondo la Musica del cuore, la Terra da quel momento imparò una nuova melodia.

La sesta Fata venne con la tempesta e portò la notte. Il Bambino imparò a piangere, mentre la Fata depose un freddo bacio sulle ciglia bagnate, l’alba vide fiorire il deserto.

La settima Fata arrivò con i pastori, portò nel Mondo la Buona Volontà. Donne e uomini popolarono il deserto, portarono il Pane, il Mondo affamato conobbe la Sazietà.

L‘ottava Fata portò la Compassione, arrivò nel silenzio e insegnò ad ogni cuore a sentire.

La nona Fata fu portata dal Fuoco, sorse dalle Fiamme di un falò, arse tutto ciò che era stato e il Mondo fu Nuovo.

Il vento sollevò le ceneri e portò la decima Fata, a cavallo di una scopa spazzò via macerie e dolore, il Bambino rise e tutto il mondo conobbe la Contentezza.

L’undicesima Fata allagò il deserto, fu fonte pura, l’acqua sorse dalle viscere profonde della terra, portando fertilità e resilienza.

La dodicesima Fata si accese nel cielo e fu Stella splendente, portò la Guida che non abbandona mai, nonostante la notte scura e l’immensità del deserto.

La tredicesima Fata era una Regina, insieme ad altri Re giunse alla grotta, il suo nome era Epifanèia, donò al mondo la dolcezza, posando davanti alla grotta il suo otre colmo di miele.

“Si, lo so, mi hanno fatto cavalcare scope e riempire calze di dolciumi, ho invece donato al Re dei Re la dolcezza dell’Eternità, il luogo dove l’abbondanza, il nutrimento, la ricchezza non smettono mai di nutrire il corpo e lo spirito”.

Le Tredici Fate ogni anno tornano sulla Terra la notte di Natale, portano doni al mondo e accompagnando la Nascita di ogni bambino divino nel cuore dell’uomo.

http://latessitricedistorie.blogspot.com/2018/12/le-tredici-fate-del-natale-racconto.html

Impronte Incondizionate di Nunzia Bruno
Insegnante certificata Thetahealing ®
Autrice di libri per bambini delle Magiche Impronte
Insegnante Yoga Bambini
Operatore Self Energy Control
Tel. +39 342 3662449
E-mail: nunzia.bruno@handinasteppy.it

Seguitemi sulla pagina apposita di FB https://www.facebook.com/ImpronteIncondizionate

di Nunzia Bruno e Luca Spadotto.

Unisciti a noi!

P.S. Se avete piacere di avere pubblicati i vostri lavoretti realizzati con le impronte, vi invito ad inviarmi le Vostre segnalazioni al seguente indirizzo mail: nunzia.bruno@handinasteppy.it o per mezzo dei miei SOCIAL… sarei lieta di condividere con voi il mio mondo in trasformazione.

Tanti suggerimenti per Lavoretti Creativi sulla mia pagina Impronte in Trasformazione

Riproduzione consentita con citazione della fonte.

Lascia un tuo Commento...

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.