Condividi su:

Amore: l’Impronta più importante e ben precisa, la chiave che apre ogni cosa, il motore che alimenta il mondo.

chiave lucchetto AMORE E L'IMPRONTA DELLA SUA FESTACome potrei non parlarne, in prossimità della festa degli innamorati…?

Di questo ho voluto parlare ai bambini lo scorso Venerdì nella biblioteca di Morgano (TV) con il mio progetto LE IMPRONTE DELLE LETTURE

Nell’organizzare le letture e leggende in occasione dell’evento, mi sono voluta documentare sulle origini e le motivazioni della festività di San Valentino.

Riassumo quanto ho “spremuto” dalla rete e che ho poi condensato trasferendola ai bambini sotto forma di una dolce favola.

Durante l’Impero Romano, dal 13 al 15 febbraio si celebravano i Lupercalia, una serie di complicati rituali propiziatori e di purificazione (di difficile interpretazione per noi tecnologici uomini moderni), che si svolgevano con sacrifici di animali e utilizzando gesti e simbolismi riconducibili alle celebrazioni di Dei Latini e Greci. Erano anche feste di fecondazione simbolica, in cui venivano approcciati gesti e danze a carattere sessuale.

urna AMORE E L'IMPRONTA DELLA SUA FESTAIn questo rito pagano, le donne venivano segnate col sangue degli animali usati in sacrificio ed erano invitate a toccare le loro pelli, come auspicio e inno alla fertilità e procreazione. Le giovani donne potevano anche deporre un bigliettino con il proprio nome in un’urna. I giovani scapoli ne pescavano poi uno a testa, scegliendo di unirsi alla ragazza che la sorte gli aveva concesso.

In epoca romana il primo mese dell’anno era marzo e non gennaio. Queste feste, a cui probabilmente di rifanno gli sfrenati festeggiamenti del Carnevale, sono quindi da intendersi come riti preparazione e purificazione in vista del nuovo anno e del risveglio primaverile.

All’avvento della Chiesa Cristiana, che chiaramente si dimostrò subito ostile a queste “selvagge riunioni” di ispirazione pagana, si deve l’associazione con San Valentino, la cui celebrazione di fatto occupò il 14 febbraio, scalzando il ricordo di queste feste. Ma perché proprio lui?

Valentino, nato a Terni in Umbria, nel III secolo DC  si ritrovò a predicare il Vangelo in una Roma ancora dominata e impregnata dai rituali e dal culto degli dei Pagani.

Secondo una prima leggenda Valentino univa segretamente in matrimonio, di fatto convertendoli alla nascente religione cristiana, i giovani soldati romani innamorati, che per legge non potevano avere moglie e figli, dovendo dedicare la loro vita solo al potere e alla gloria dell’Impero. Era quindi molto popolare fra una fascia di popolazione molto ampia.

Un’altra leggenda narra che Valentino, imprigionato per la sua attività di propaganda cristiana, inviasse lettere d’amore (il celibato forzato è arrivato dopo…) alla figlia cieca del proprio carceriere. L’amore del Santo le ridò la vista. La notizia del miracolo circolò velocemente accrescendo la sua fama.

Imprigionato e torturato più volte, Valentino fu alla fine flagellato e decapitato. Diventando uno dei primi martiri cristiani.

Nel medioevo il suo culto è prosperato soprattutto grazie ai frati benedettini. Ai giorni nostri è stato poi definitivamente consacrato a Santo Patrono degli Innamorati e il consumismo dilagante, da noi alimentato dall’invasione di Baci Perugina, ha fatto il resto…

AMORE E L'IMPRONTA DELLA SUA FESTA

Indipendentemente da questo giorno di celebrazione, comunque l’Amore, quello puro e forte, si è reso sempre manifesto, marchiando e segnando il destino di tutta l’umanità, anche in tempi bui, di guerre e carestie.

Quando il cuore batte forte, la testa è “nel pallone” e nello stomaco senti le svolazzanti farfalline, si è disposti a tutto. Io ho sempre sostenuto che quando ci si innamora è sempre come se fosse sempre la prima volta. E’ proprio un sentimento che si rinnova.

mamma AMORE E L'IMPRONTA DELLA SUA FESTA

Diventata Mamma, ho scoperto infine l’Amore più puro e incondizionato.

Ricordo che quando ho avuto per la prima volta fra le braccia la mia bambina, Gemma, ho sentito nel petto un qualcosa di estremamente potente che mi permeava e si espandeva; mi rendevo anche conto che non avrei più potuto provare nulla di simile.

Poi, è arrivato anche Santiago. Fin da quando era in pancia ho sentito ripresentarsi questo Amore, già provato una volta, ancora più forte e potente.

Già… L’Amore stupisce proprio!

In questi articoli troverete cos’è l’Amore per i Bambini che ho incontrato: Frasi su block notes,e  Un albero innamorato

di Nunzia Bruno e Luca Spadotto.

Unisciti a noi!

P.S. Se avete piacere di avere pubblicati i vostri lavoretti realizzati con le impronte, vi invito ad inviarmi le Vostre segnalazioni al seguente indirizzo mail: nunzia.bruno@handinasteppy.it o per mezzo dei miei SOCIAL… sarei lieta di condividere con voi il mio mondo in trasformazione.

Tanti suggerimenti per Lavoretti Creativi sulla mia pagina Impronte in Trasformazione

Riproduzione consentita con citazione della fonte.

Lascia un tuo Commento...

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.