Bambini Imparano a Leggere

Condividi su:

I bambini imparano a leggere con tanta voglia, grazie a piccoli accorgimenti…

Fra le tante tappe di crescita che il bambino incontra, l’inizio della scuola primaria diventa un crocevia importantissimo, una porta che si apre per entrare in quella dimensione legata a tutte le informazioni teoriche e di apprendimento che la scuola ha il compito di fornire.

banchi-scuola

Come mamma, mi sono dovuta idealmente rimettere anch’io il grembiulino con il fiocco e mettermi seduta in un piccolo banco di scuola accanto a mia figlia Gemma, entrata quest’anno per la prima volta nella scuola, che io mi ostino ancora a chiamare “elementare”.

Un emozione in crescita…

I tanti dubbi che hanno preceduto questo nuovo inizio e l’emozione di quel primo giorno, sono ancora vivi dentro di me; la mia piccola Gemma è diventata “grande”…  solo una mamma può capire di cosa sto parlando…

Ho notato da subito una grande voglia d’imparare, le mensole della libreria nella sua stanzetta si sono riempite di tanti libri didattici. L’Abbecedario della mia infanzia (o forse esagero richiamando la favola di Pinocchio), non bastava forse più per formare queste nuove generazioni.

lettura

Il bambino, che fin’ora si è relazionato con i libri in maniera passiva, ostaggio in questo di noi genitori spesso svogliati, adesso impara a leggere ed essere più autonomo.Le varie tecniche che la scuola utilizza per fare apprendere i primi meccanismi della lettura, portano il bambino a leggere a distanza di tre/quattro mesi dall’inizio della scuola.

Le variabili, naturalmente, non mancano.  Nel mio caso, a distanza di un mese dall’inizio della scuola, la mia bambina sa già leggere, riconoscendo sia lo stampatello che anche il corsivo.

Quale metodo educativo ho utilizzato come mamma per trasmetterle la passione per la lettura?

Nel mio percorso di “genitore”, ho sempre cercato di mettere a disposizione dei miei figli diversi libri, acquistati o presi in prestito nelle biblioteche. Li lascio liberi di consultarli, sfogliarli, a volte anche di maltrattarli, e mi rendo disponibile ad intrattenerli con qualche favola o storiella che li attira in maniera particolare.

Fin da piccolissimi è stato il loro divertimento maggiore; andavano personalmente a sceglierli con il papà, soprattutto in biblioteca, mostrando la loro tessera personale alla bibliotecaria per poterli prendere in prestito.

Leggere come intrattenimento…

I libri riempiono la nostra casa, sono sparsi un po’ ovunque.

Più che usando il mezzo televisivo, io e soprattutto mio marito, per staccare un po’ dalla realtà, ci immergiamo volentieri nei tanti universi che si possono trovare fra le pagine stampate (ma anche digitali).

Perfino nei social network, gli slogan che più ricevono i classici “like”, incentivano a seguire questo nostro atteggiamento, ossia:

“Il miglior insegnamento che puoi dare a tuo figlio è l’esempio”.

ESEMPIO LIBRI

In questo loro apprendimento, io e mio marito non abbiamo mai forzato la mano. Quando i nostri figli, vedendo una lettera, ci chiedevano quale fosse e se l’avessero poi disegnata bene su un foglio, gli abbiamo sempre dato ascolto, cercando di correggerli ed indirizzarli, gratificandoli in caso di successo, ma rimarcando sempre che: “avrete tanto tempo per imparare, ora lasciate stare e andate fuori a giocare”…

Recentemente mi sono imbattuta in un articolo scritto dalla Dott.ssa Anna Lamo, psicologa e psicoterapeuta, che cura un suo progetto itinerante per la promozione della lettura prescolastica. In un passaggio del testo dice:

“Quando pensate ai libri come oggetti che servono esclusivamente per allenare i bambini alla lettura o per ottenere buone performance scolastiche, trasformate un bambino libero di amare il mondo in uno schiavo della vita. Il libro rilassa, accompagna il lettore in più e più mondi, insegna, veicola informazioni, morali e etiche”

5c608d0b30d847e21699922247c309a8

O ancora: “Non è necessario imporre l’apprendimento ad un bambino, viene da sé, quello che invece gli adulti devono saper fare è offrire i giusti stimoli…”

Consiglio di dedicare più attenzione nella scelta dei libri che vogliamo proporre ai nostri bambini. Lasciamo stare quelli derivati dai cartoni animati televisivi; già ci invadono a sufficienza nella nostra quotidianità, senza aver bisogno di rubare altro spazio. Fatevi consigliare dalle librerie specifiche per ragazzi, seguite il vostro istinto e date ascolto al bambino che gioca ancora dentro di voi.

Volevo precisare che ho deciso di scrivere questo articolo, dopo aver ricevuto un video-testimonianza, in cui la sua bambina di 4 anni e mezzo legge con scioltezza il mio libro “LE AVVENTURE DELL’UOVO KOK”.



Nel video che segue Gemma, la mia bambina di sei anni e mezzo, legge il mio libro di Natale “REGALI SPECIALI”. Si focalizza per adesso sulla parte superiore del libro, pensata per i bambini più piccoli, che è un riassunto della parte inferiore più estesa.



Queste due prime esperienze mi hanno dato conferma che, grazie allo stampatello, i bambini riescono a distinguere meglio le lettere che stanno cominciando a conoscere, potendo così cimentarsi nelle loro prime letture.

“I libri, sono strumenti magici per nutrire la psiche del bambino.”

Impronte Incondizionate di Nunzia Bruno
Insegnante certificata Thetahealing ®
Autrice di libri per bambini delle Magiche Impronte
Insegnante Yoga Bambini
Operatore Self Energy Control
Tel. +39 342 3662449
E-mail: nunzia.bruno@handinasteppy.it

Seguitemi sulla pagina apposita di FB. https://www.facebook.com/ImpronteIncondizionate/ 

di Nunzia Bruno e Luca Spadotto.

Unisciti a noi!

P.S. Se avete piacere di avere pubblicati i vostri lavoretti realizzati con le impronte, vi invito ad inviarmi le Vostre segnalazioni al seguente indirizzo mail: nunzia.bruno@handinasteppy.it o per mezzo dei miei SOCIAL… sarei lieta di condividere con voi il mio mondo in trasformazione.

Tanti suggerimenti per Lavoretti Creativi sulla mia pagina Impronte in Trasformazione

Riproduzione consentita con citazione della fonte.

1 Comment

  • Scritto Gennaio 14, 2016

    Anonimo

    Interessantissimo articolo e soprattuto leggete e meravigliatevi guardando “Le avventure dell’uovo kok”

Lascia un tuo Commento...

Lascia un tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.